La “PSICOLOGIA SOCIALE” degli ZERO ASSOLUTO

La storia degli ZERO ASSOLUTO (Matteo Maffucci e Thomas De Gasperi) è iniziata tra i banchi del Liceo Classico Giulio Cesare di Roma nei primi anni del Duemila.
Nel 2006 dopo alcuni singoli di successo, il duo partecipa per la prima volta al Festival di Sanremo, esperienza che replicano l’anno successivo e nel 2015.
Nella loro carriera ci sono tante esperienze, la collaborazione alla hit internazionale di Nelly Furtado “All Good Things (Come to an End)”, la partecipazione alla colonna sonora del film di Federico Moccia “Scusa ma ti chiamo amore” e del sequel “Scusa ma ti voglio sposare” e la pubblicazione del libro “Sotto una pioggia di parole”.
L’ultimo singolo degli ZERO ASSOLUTO è PSICOLOGIA SOCIALE in cui hanno cercato di far vivere quella sensazione tipica della fine dell’estate.
Raccontano <<Una sensazione mista: l’estate che sfuma lentamente, quel senso di leggerezza che raramente altre stagioni concedono. Ci sentiamo leggeri, tutto è concesso, sfuggiamo dalle convenzioni della quotidianità e ci crogioliamo un po’, in uno spazio/tempo di sospensione, dove la condivisione e la vita sociale ci fanno vivere al massimo.
Questa è la psicologia sociale che abbiamo cercato di raccontare in questa canzone, un brano che racconta quel senso di libertà che ci regala solo l’estate, quando chi siamo e cosa facciamo magicamente coincide.