Grammy 2022, gli oscar della musica premiano i SILK SONIC, JON BATISTE e OLIVA RODRIGO

I GRAMMY AWARD sono uno degli appuntamenti più importanti nel mondo della musica, come impatto mediatico corrispondono agli oscar cinematografici.
Rinviati a causa del covid, quest’anno non si sono tenuti come da tradizione a Los Angeles, ma si è preferito una location più raccolta come il casino Mgm di Las Vegas.
In scaletta, oltre alle premiazioni ed alcune performance, c’è stato anche il toccante discorso del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che in un messaggio registrato, ha lanciato un appello affinché il suo Paese non venga lasciato nel silenzio.
Ma chi si è portato a casa il maggior numero di GRAMMY? In primis, il duo soul-funk SILK SONIC formato da BRUNO MARS e ANDERSON PAAK, premiati in questa edizione con il “Record of the Year”, per la “Canzone dell’anno” e per la “Migliore canzone R&B” con “Leave the Door Open”.
Il GRAMMY per il “Miglior album” del 2021 è andato a “We Are” del jazzman JON BATISTE, vincitore di cinque GRAMMY su undici candidature.
Grandi risultati anche per la 19enne OLIVIA RODRIGO, che ha vinto i premi per il “Miglior album pop” “SOUR”, la “Migliore performance individuale pop” (“Drivers Licence”) e come “Migliore artista emergente”.
Un GRAMMY anche a DOJA CAT e SZA “Kiss Me More”, giudicata la “Migliore performance pop non individuale”.
Chiusura in grande stile con il GRAMMY a LADY GAGA e TONY BENNETT per il “Miglior album vocale pop tradizionale” per l’album di canzoni di Cole Porter “Love for Sale”.
Assenti i FOO FIGHTERS, per la recente scomparsa del batterista Taylor Hawkins, ricordato anche da BILLIE EILISH che durante la sua performance ha indossato una maglietta con l’immagine del musicista della band.