1983 – arriva VAMOS A LA PLAYA dei RIGHEIRA, primo vero “tormentone” estivo

Del duo torinese dei RIGHEIRA, si sa già tanto, il successo che raggiunsero negli anni ’80, li ha fatti conoscere in tutto il mondo.
Ad esempio si sa che appena ventenni MICHAEL e JOHNSON, componevano musica nel garage di casa con la speranza di avere successo, ma all’epoca le classifiche erano dominate dall’inglese, con i Laid Back di Sunshine Reggae, David Bowie e Let’s Dance, i Culture Club di Karma Chameleon e Do You Really Want To Hurt Me.
Forse anche per questo motivo VAMOS A LA PLAYA fu scritta in spagnolo e pubblicata nella primavera del 1983, senza immaginare quello che sarebbe accaduto nel giro di un paio di mesi.                                                                                                                                        Tre milioni di copie vendute in tutto il mondo e la canzone che si sentiva ovunque, dalle radioline in spiaggia, nei jukebox, in televisione, dai mangiadischi e dalle cassette.
Ed i RIGHEIRA ospiti in televisione, alla radio, al Festivalbar, nelle piazze di tutta Italia, fino ad arrivare al dizionario Zingarelli che proprio per l’effetto di fascinazione sviluppato da VAMOS ALLA PLAYA, nella mente di tutti in tutto il mondo, decide di coniare la parola TORMENTONE e di inserirla nell’edizione di quell’anno.                                                                                                                              Una consacrazione anche letterale per i RIGHEIRA che tra l’altro in VAMOS A LA PLAYA non parlano di vacanze allegre e spensierate, ma piuttosto di scenari apocalittici, di paura della bomba atomica e delle radiazioni, ma il ritmo incalzante e la loro stravaganza, portarono tutti a identificarla come la canzone dell’estate, OH OH OH!