Home Accade qui La Creve Garda Dop, olio veronese, premiato come il migliore del Nord...

La Creve Garda Dop, olio veronese, premiato come il migliore del Nord Est

23

Anche quest’anno il Salone degli oli extravergini di oliva, la cui dodicesima edizione si è appena conclusa alla Stazione Marittima di Trieste, ha premiato la qualità. Se la Sardegna ha fatto man bassa di premi al Concorso “Olio Capitale”, la nuova menzione Crédit Agricole FriulAdria al miglior olio del Nord Est ha registrato un interessante acuto da parte del territorio locale. Il riconoscimento ideato dall’Istituto di credito, partner dell’edizione 2018 del Salone, è stato assegnato dalla giuria all’azienda veronese “Le Creve”, di Paolo Forelli, produttrice di “Le Creve Garda Dop”.

L’azienda, sorta nel 2014 a Malcesine (Verona) accanto al preesistente ristorante di famiglia specializzato nello spiedo a legna, con 600 piante di ulivo e una produzione di 1.600 litri d’olio nel 2017 (di cui circa 900 con certificazione Dop), può considerarsi una nicchia di eccellenza del Gardesano orientale. L’evo prodotto, un fruttato leggero con un buon equilibrio dolce-amaro, ottimo se assaporato a crudo e ideale condimento di piatti a base di pesce di lago, ha conquistato i palati dei giurati superando le preselezioni e ottenendo la palma di miglior evo prodotto nel Nord Est tra gli oltre 230 oli nazionali e internazionali in gara nel Concorso Olio Capitale.

“Ci siamo sempre posti l’obiettivo della qualità e questo è un premio al nostro impegno – ha dichiarato il titolare Paolo Forelli, 43 anni, di origini trentine, che insieme alla famiglia condivide l’appassionante avventura imprenditoriale – Il disciplinare per ottenere la certificazione Garda Dop prevede un controllo molto rigido di tutte le fasi di lavorazione che vanno dalla raccolta alla gramolatura alla filtratura. Per curare le piante si utilizzano solo prodotti naturali nel massimo rispetto dell’ambiente. Il nostro olio si colloca in una fascia di mercato medio-alta, il prezzo si aggira sui 50 euro al litro e i compratori sono soprattutto turisti stranieri a caccia di eccellenze gastronomiche italiane”.

Condividi