OSCAR 2022, oltre lo schiaffo di Will Smith, c’è di più!

Si è da poco conclusa la cerimonia di consegna degli OSCAR e l’unico argomento di discussione è lo schiaffo di WILL SMITH a CHRIS ROCK, ma noi evitiamo di tornare sull’argomento e andiamo a scoprire vincitori e vinti.
Tra i vinti purtroppo c’è il nostro PAOLO SORRENTINO, il regista napoletano candidato con “E’ STATA LA MANO DI DIO” nella sezione miglior film internazionale, ha perso contro il giapponese “DRIVE MY CAR” di Ryusuke Hamaguchi.
Tra i vincitori c’è sicuramente “I SEGNI DEL CUORE – CODA”, il film che l’anno scorso aveva debuttato al Sundance Festival, si è aggiudicato l’oscar più ambito, quello di MIGLIOR FILM, battendo il super favorito “IL POTERE DEL CANE di JANE CAMPION, a cui è andato l’Oscar per la MIGLIOR REGIA.
Una bella soddisfazione per JANE CAMPION diventata così a terza donna nella storia degli Oscar a vincere come regista con un film western strano e molto discusso.
Tornando velocemente a WILL SMITH, è suo l’oscar come Miglior attore protagonista per il ruolo del padre delle tenniste Venus e Serena Williams in “King Richard – Una famiglia vincente”.
All’intensa interpretazione di JESSICA CHASTAIN ne “Gli Occhi di Tammy Faye” è andato l’oscar come Miglior attrice protagonista, ad ARIANA DE BOSE, nel ruolo di Anita in “WEST SIDE STORY” di Steven Spielberg è andato quello come Miglior attrice non protagonista, mentre l’Oscar come Miglior attore non protagonista è andato a TROY KOTSUR, primo attore sordo a vincere la prestigiosa statuetta.
KOTSUR tra i protagonisti del film vincitore “I SEGNI DEL CUORE – CODA”, ha commosso la platea con il suo discorso di ringraziamento nella lingua dei segni, confermando la volontà dell’Academy di lasciar fuori dalla cerimonia la politica, ma di trattare molti temi, a partire dalla disabilita’ fino ai diritti Lgbtq.
Non si è espressamente parlato della guerra in Ucraina, ma quasi tutte le star presenti hanno indossato il nastrino azzurro come segno di solidarietà con i rifugiati ucraini.
Tanti gli omaggi alla storia del cinema, a partire dai 50 anni del “PADRINO” con Francis Ford Coppola, Al Pacino e Robert De Niro sul palco insieme alla tenerezza di LADY GAGA, che ha accompagnato, LIZA MINELLI ormai in sedia a rotelle, sul palco per i 50 anni di “CABARET” il film che le fece vincere l’Oscar.