Home Accade qui Aumentano i voli dell’aeroporto di Treviso, ma c’è chi si lamenta

Aumentano i voli dell’aeroporto di Treviso, ma c’è chi si lamenta

86

Per l’aeroporto di Treviso è previsto un aumento del numero di voli pari a oltre 6mila unità. Non tutti, però, dimostrano di apprezzare quella che in teoria dovrebbe essere una buona notizia: a lamentarsi, in particolare, è il consigliere regionale del Veneto Andrea Zanoni, che ha parlato a questo proposito di un grave scempio ambientale. Secondo Zanoni lo sforamento dei voli del Canova – che dovrebbe passare da 16.300 a 22.500 voli – non ha fatto registrare alcun impatto sul fronte dell’inquinamento acustico, ma il problema va al di là del rumore prodotto dal trasporto aereo, a cui il consigliere regionale imputa una grande responsabilità per la produzione di anidride carbonica. Come dire: da una parte siamo tutti al fianco di Greta Thunberg e contro il cambiamento climatico, ma dall’altro lato non facciamo niente per agire in maniera concreta.

Le polemiche sullo scalo trevigiano

Zanoni non è solo consigliere del Partito Democratico, ma è anche il vice presidente della commissione Ambiente. Il suo commento è arrivato in seguito alla diffusione del responso dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale in virtù del quale la commissione Via nazionale dello scorso 29 marzo ha fornito il proprio parere positivo per l’aumento dei voli richiesto da Save. Per Zanoni, sarebbe più opportuno stimolare il trasporto su ferro che non quello aereo, tenendo conto che nel primo caso vengono prodotti 44 grammi di emissioni inquinanti per chilometro, mentre nel secondo caso si generano 140 grammi di emissioni nocive al chilometro.

Puntare sul trasporto aereo: sì o no?

Zanoni senza troppi giri di parole ha sottolineato che, con una decisione come quella assunta da Save, si girano le spalle a milioni di giovani che da lungo tempo si sono attivati nella speranza di salvare il pianeta. Se non si interviene sugli scali aeroportuali, per il consigliere regionale, il nostro Paese non sarà mai in grado di rientrare negli obiettivi che la Ue ha stabilito sul fronte della riduzione delle emissioni inquinanti: per arrivare al traguardo delle emissioni zero del 2050 bisognerà già ridurle del 20% entro il 2020, per poi arrivare a una ulteriore riduzione del 30% entro il 2030.

Il punto di vista degli utenti

Mentre la politica dibatte di crescita, decrescita e sostenibilità, gli utenti dello scalo veneto sono più interessati a questioni pratiche, che magari riguardano il loro portafogli: per esempio, i prezzi dei parcheggi aeroporto Treviso. Una novità recente proveniente dal mondo del web consente di trovare tariffe convenienti per posti auto comodi situati nei dintorni dell’infrastruttura: si chiama Parkos, e offre a tutti l’opportunità di approfittare del miglior prezzo per il parking, da prenotare direttamente online.

Che cos’è e come funziona Parkos

Chi è alla ricerca di un parcheggio aeroporto Treviso non deve far altro che andare sul sito di Parkos, come hanno già fatto oltre 500mila persone in tutta Italia, e specificare la data e l’ora di partenza e la data e l’ora di ritorno. A quel punto si possono visualizzare tutte le proposte a disposizione per i parcheggi aeroporto, che possono essere filtrate in base a diversi parametri: per esempio la distanza dal terminal, ma anche la disponibilità di posti coperti. A proposito della distanza, comunque, non ci si deve preoccupare, perché si può usufruire di un servizio bus navetta gratuito che permette di spostarsi comodamente dal parcheggio all’aeroporto.

Che cosa succede se non si parte più

Non è così raro che un volo venga annullato, magari per sciopero, o che per qualsiasi altro motivo si sia costretti a rinviare la partenza. In questo caso, non c’è nulla da temere, dal momento che Parkos garantisce la cancellazione gratuita, senza prevedere l’applicazione di penali né richiedere il pagamento di commissioni o costi extra. E questo è solo uno dei tanti motivi per i quali vale la pena di mettere alla prova il servizio online.

Condividi