Home Accade qui L’Asiago dop sempre più internazionale: piace a Est e conquista nuovi mercati

L’Asiago dop sempre più internazionale: piace a Est e conquista nuovi mercati

14

Promuovere il prodotto facendone conoscere i segreti là dove tutto ha origine. E’ questo l’obiettivo dell’intensa azione di promozione che il Consorzio Tutela Formaggio Asiago ha avviato in queste settimane invitando nell’Altopiano di Asiago alcuni tra i più importanti giornalisti gastronomici di Polonia, Repubblica Ceca e Stati Uniti D’America per un viaggio alla scoperta della produzione Asiago DOP Prodotto della Montagna, la specialità prodotta al di sopra dei 600 metri, nelle malghe e nei caseifici di montagna.

Polonia e Repubblica Ceca, negli ultimi tre anni, hanno aumentato del 50% le loro importazioni di formaggi e latticini italiani. E proprio in questi due paesi che, nel biennio 2014-2016, Asiago DOP è stato per la prima volta introdotto in gran parte delle catene della grande distribuzione organizzata e nella ristorazione segnando un aumento delle vendite che, nella sola Repubblica Ceca, è passato dai 39.441 Kg del 2015 ai 50.745 del 2016, con una crescita del 28,7%. Ancor più significativi i risultati in Polonia, paese dove gli appassionati di formaggi stanno crescendo e dove le vendite di Asiago DOP, nel 2016, hanno segnato un incremento del 329%.

Per rafforzare questi importanti risultati e contribuire alla conoscenza del prodotto e il suo utilizzo in cucina, il Consorzio di Tutela punta ora su un’intensa campagna di promozione che, in queste settimane, sta portando i principali giornalisti gastronomici di Polonia e Repubblica Ceca alla scoperta del territorio, delle sue produzioni e del lavoro dei casari. Un viaggio che conferma la stretta relazione tra Asiago DOP e il suo luogo d’origine e valorizza quell’unicum distintivo che porta l’Altopiano di Asiago ad essere riconosciuto in tutto il mondo.

Nelle prossime settimane, il programma proseguirà con la visita di giornalisti e operatori USA, mercato, questo, che rappresenta uno dei principali paesi d’esportazione per Asiago DOP ed è oggetto di un progetto triennale cofinanziato dall’Unione Europea realizzato in partnership con i consorzi del Pecorino Romano e dello speck Alto-Adige.

Condividi