Home Accade qui La cooperativa Azove celebra l’eccellenza della carne veneta a qualità verificata

La cooperativa Azove celebra l’eccellenza della carne veneta a qualità verificata

80

Agripolis, campus dell’università di Padova ha ospitato l’evento “Festeggiamo assieme la Nostra Qualità Certificata”, voluto dalla cooperativa Azove, uno dei maggiori produttori di carne in Veneto, per riunire istituzioni regionali e locali, soci, buyer, distributori e consumatori e celebrare così insieme sia i positivi risultati dell’azienda che i valori della certificazione “QV – Qualità Verificata”, istituita dalla Regione Veneto, della quale Azove è concessionaria.

La Cooperativa Azove, con una storia e un know how di quasi 45 anni nel panorama veneto e nazionale della zootecnia bovina da carne, è una realtà unica nel suo settore in quanto gestisce l’intera filiera produttiva, dall’allevamento sino alla commercializzazione e distribuzione delle carni bovine. Sono oltre 130 gli associati che operano con elevata professionalità attraverso la Cooperativa, con strutture di allevamento all’avanguardia che permettono una produzione annua di circa 45.000 capi. In un mercato, quello della carne bovina, nel quale il trend dei consumi continua a inesorabilmente a calare (-3,3% nel 2016), Azove rappresenta un’azienda in forte controtendenza, in continua crescita e sviluppo: un fatturato consolidato 2016 di oltre 130 milioni di euro, più di 11 milioni di kg di carne lavorati e commercializzati, 50.000 tonnellate di alimenti zootecnici acquistati e forniti ai socie un bilancio di chiusura 2016 che ha registrato un utile di oltre 225.000 euro.

Oltre ai numeri legati a produzione e commercializzazione, Azove è tra i leader in Veneto anche per tutti i servizi e l’assistenza che accorda ai propri soci, che spaziano dalla  fornitura di materie prime e mangimi con formulazione diretta, all’assistenza sanitaria e nutrizionale fino a quella informatica e gestionale per le aziende, dalla garanzia di pagamento dei conferimenti agli accordi specifici con il sistema bancario per facilitare l’accesso al credito.

Azove dispone anche della certificazione di rintracciabilità di filiera, che comprende tutti i suoi allevamenti soci e le attività di macellazione e lavorazione delle carni, garantendone sempre la corretta e trasparente gestione.

Gli sforzi degli ultimi anni sono stati volti inoltre a incrementare la commercializzazione delle carni bovine prodotte dai soci e in tale contesto si sono sviluppati i rapporti con i più grandi gruppi della GDO (Esselunga, Conad, Despar, Eurospin e Famila), ai quali si affiancano anche un consolidato rapporto con gruppi della distribuzione organizzata e con le macellerie tradizionali.

Un impegno costante che ha prodotto come risultato il regolare progressivo aumento delle quantità di carni vendute da Azove, con un incremento a due cifre (oltre 12 % annuo) nell’ultimo triennio. La proiezione per il 2017 porta al superamento dei 30.000 capi lavorati, con una crescita prevista della commercializzazione attraverso il canale GDO del 20%.

“Forti di questi risultati e con l’obiettivo di ottimizzare la gestione completa della filiera, per massimizzare il reddito degli allevatori soci attraverso la migliore valorizzazione delle loro produzioni, – ha commentato il Presidente di Azove Fabio Scomparin – di recente abbiamo deciso di acquistare, a Cittadella in provincia di Padova, una moderna struttura per la lavorazione che diventerà operativa a breve  e che consentirà di unificare tutte le attività del Gruppo: da quelle a monte relative all’allevamento sino a quelle a valle concernenti la macellazione, la lavorazione e la commercializzazione delle carni”.

In questo modo si completa tutto il ciclo produttivo e Azove da cooperativa di servizi si configura a tutti gli effetti come cooperativa agroalimentare di qualità, perché la qualità è da sempre tra le priorità del Gruppo che investe molto per incrementare e migliorare le caratteristiche dei propri prodotti e servizi, nella consapevolezza dell’importanza del benessere del consumatore. Azove è stato infatti tra i primi produttori a garantire gli allevamenti per il benessere animale.

Per discutere e argomentare l’importanza della produzione di qualità e del contributo dei valori proteici e nutrizionali in una dieta equilibrata, Azove ha promosso durante la giornata il confronto “Racconti di Qualità. La Carne Rossa al Centro della Tavola”, moderata dal noto giornalista enogastronomico Paolo Massobrio, dove a confrontarsi apertamente sul ruolo della carne rossa nell’alimentazione si sono alternati il Prof. Mauro Zamboni – Nutrizionista, Componente Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare del Ministero della Salute, il Prof. Giovanni Bittante – Ordinario di Zootecnica Generale dell’ Università degli Studi di Padova, il canottiere olimpico Rossano Galtarossa e i rappresentanti della governance di Azove stessa.

L’evento si è poi concluso con una degustazione dei prodotti del Gruppo Azove attraverso uno Show Cooking condotto dallo Chef Claudio Crivellaro, Presidente dell’Unione Cuochi del Veneto.

Condividi